Mezzogiorno di Fuoco

Aleksandra Taistra ci racconta come ha chiuso Mezzogiorno di Fuoco

Sciana Punta Giradili (730 m) è una della pareti più belle della Sardegna, con spettacolari multipitch adatte ad ogni livello.

Nel 2006, Rolando Larcher, Maurizio Oviglia e Roberto Vigiani hanno aperto Mezzogiorno di Fuoco (sette tiri: 7a+, 8b, 6c, 8a/+, 7c+, 7c, 7a). Dopo aver chiuso Amico Fragile e Unchinos in primavera Mezzogiorno  era il mio obiettivo per l’autunno/inverno 2020.

La verità è che non conoscevo affatto Punta Giradi e quindi sono arrivata con una sola certezza: avrebbe fatto caldo. Il muro è sotto il sole cocente tutto il giorno.

Quello che ho scoperto presto è che lo stile della via è molto esposto. Non sono abituata a fare cadute di 20 metri, quindi ho dovuto stringere i denti per smettere di avere paura 🙂

Devo ammettere che Mezzogiorno è stata una grande sfida mentale per me. Nelle parti più facili ci sono stati momenti in cui ho sentito che semplicemente non sarei dovuta cadere.

Grazie al mio amico Jurek Kolakowski. Jerry mi ha aiutato molto nel lavorare la via ed è stato molto paziente durante i lunghi run-out. Ci siamo scambiati i giorni sostenendoci a vicenda sui nostri progetti e nei miei giorni mi ha sistematicamente svegliato alle 5:00 in modo che potessi arrampicare il più possibile all’ombra e mi ha motivato molto con parole gentili.

Inaspettatamente l’ho scalato in un giorno in cui non l’avevo programmato 🙂

Siamo andati con Matteo Piccardi – @matteopiccardi solo per provare la parte 8b.

Sciana Punta Giradili (730 m) is described as one of the most beautiful walls in Sardinia with amazing multipitch climbing at all levels.

In 2006, Rolando Larcher, Maurizio Oviglia and Roberto Vigiani opened  Mezzogiorno di Fuoco (7 pitches: 7a+, 8b, 6c, 8a/+, 7c+, 7c, 7a). After finishing Amico Fragile and Unchinos in the spring, Mezzogiorno was my goal for the autumn and winter of 2020.

 The truth is I didn’t know Punta Giradi at all and so I arrived with only one expectation: it would be warm. The wall is in the blazing sun all day.

What I soon discovered is that the style of the route is very exposed, too. I am not used to practice 20-meters falling,so I had to tighten my teeth to stop being scared 🙂

I have to admit that Mezzogiorno was a great mental challenge for me. On the easier parts there were moments where I felt that I simply shouldn’t fall off.

Thanks to my friend Jurek Kolakowski. Jerry helped me a lot in working the route and was very patient as I navigated the long run-outs. We swapped days supporting one another on our projects and on my days he systematically woke me up at 5:00 am so that I could climb in the shade as much as possible and motivated me a lot by kind words. 

Unexpectedly I climbed it in a day when I didnt plan it 🙂 

We went with Matteo Piccardi – @matteopiccardi only to try the 8b part. I felt ones next to the top and 15’ later the next try was sucessful what meant I decided go for all pitches.

Aleksandra Taistra