Solo Reverse Fitz Traverse

Intervista a Sean Villanueva per la prima solitaria al contrario del Fitz Traverse – Moonwalk Traverse

Domani, giovedì 10 giugno, Patagonia terrà un evento online con gli ambassador Sean Villanueva e Tommy Caldwell, per raccontare dell’incredibile traversata in solitaria del Fitz Roy. Non perdete l’occasione per partecipare e guardare il film sull’impresa.

https://pat.ag/TheMoonwalkTraverse

Nell’attesa vi lasciamo alla lettura dell’intervista a Sean Villanueva dove racconta la sua impresa: il Moonwalk Traverse: la prima solitaria al contrario del Fitz Traverse.

Sean Villanueva - Fitz Traverse

Sei arrivato in Patagonia all’inizio del 2020, appena prima del lockdown. Cosa ti ha attirato lì? Perchè hai deciso che il miglior piano fosse restare fermo?

In Patagonia c’è un piccolo cespuglio con bacche chiamate bacche di Calafate. La leggenda narra che se ne mangi una, verrai sempre attirato lì. Ne ho mangiate un po’ durante la mia prima spedizione nel 2005, e da allora ho sentito il bisogno di tornarci ogni due anni. Sono stato in Patagonia sette volte in 15 anni. Amo questo posto. È selvaggio, con un clima feroce e offre avventure illimitate. Ha alcune delle migliori big Walls del mondo, l’atmosfera è magica e le persone sono estremamente gentili.

La tua visione del mondo è cambiata mentre eri in isolamento laggiù? Come ti sono sembrate le cose da lì e stavi aspettando tempi più sicuri per affrontare la salita?

Le cose in Europa sono andate male con la pandemia, ero in uno dei posti più belli del mondo, quindi perché trasferirsi? Mi piaceva qui. Mi sentivo come un bambino rinchiuso in un gigantesco parco giochi. Ma non avrei mai immaginato di trascorrere un inverno a El Chalten, figuriamoci vivere qui per un anno intero. Questo è il periodo più lungo in cui sono mai stato in un posto senza muovermi e viaggiare, quindi è stata un’enorme opportunità per me di fare cose che non avevo mai fatto prima. Avrei potuto avere una grande routine mattutina, ho imparato le Uilleann Pipes (cornamusa irlandese) quindi ho avuto il tempo di esercitarmi, ho seguito un corso di lingua online e sono stato in grado di coltivare il mio orto, cosa che ho sempre voluto fare. Finalmente ho avuto l’opportunità di fare tutte queste cose!

Non ci sono stati praticamente casi di Covid a El Chalten fino a gennaio 2021, quando la città è stata aperta al turismo nazionale, quindi le cose erano piuttosto rilassate. È stato pazzesco vedere le notizie su ciò che stava accadendo fuori da questa città perché ci sentivamo come se fossimo in una bolla sicura. Ma è stato molto difficile per molti locali che dipendono principalmente dal turismo per il reddito. Il mio vicino, ad esempio, ha cinque figli, ha iniziato una nuova attività l’anno scorso e praticamente non aveva entrate fino a poco tempo fa.

Sean Villanueva - Fitz Traverse

Che tipo di input hai avuto da persone come Rolo Garibotti e Colin Haley prima della salita?

Non avrei mai parlato a nessuno di questo piano. Ero convinto che non avrebbero capito, avrebbero pensato che avevo completamente perso la testa! Ma il giorno in cui sono partito l’ho detto a due persone: il mio amico Juan Collado, sulla cui terra vivo, e Rolo Garibotti. Ho solo detto loro che avrei iniziato dall’Aguja de l’S e avrei visto fino a che punto potevo arrivare. Ho anche fatto la registrazione obbligatoria per l’arrampicata prima di entrare nel Parco Nazionale, dove devi descrivere il tuo itinerario. Non posso dire che non ero preoccupato che avrebbero cercato di fermarmi prima che me ne andassi!

Rolo è stato di grande supporto e ha immediatamente tirato fuori la sua corda migliore e l’attrezzatura per sostituire alcune delle mie cose più vecchie e logore. Il suo supporto è stato un enorme aumento di fiducia, l’attrezzatura che mi ha dato era molto più efficiente di quella che avevo. Colin mi ha prestato i suoi ramponi in alluminio leggero senza nemmeno sapere cosa stavo facendo. Entrambi mi hanno sempre ispirato e motivato, ma non ho ricevuto molti input diretti sulla salita da loro perché non ho mai detto loro che era nella mia mente. La guida di Rolo ha avuto un ruolo importante nella preparazione: quando mi è venuto in mente per la prima volta di provare la traversata da solo ero convinto che fosse del tutto irrealistico. Tuttavia, mi sono detto che sognare non fa male e ho passato molte lunghe notti d’inverno sfogliando la guida, prendendo appunti per vedere se riuscivo a risolvere il tutto insieme. Poi un giorno mi sono ritrovato improvvisamente a credere che fosse possibile!

Anche tutti gli alpinisti locali con cui ho trascorso l’anno – che, senza esitazione, mi hanno accettato come uno di loro e mi hanno inondato della loro psiche e buone vibrazioni – hanno avuto un ruolo importante. E, naturalmente, devo menzionare il mio principale compagno di cordata Nicolas Favresse, con il quale ho condiviso più di 25 anni di avventure. Sicuramente ha contribuito a plasmare l’arrampicatore e la persona che sono diventato oggi.

Mentre la maggior parte della società era ferma, hai deciso di intraprendere una delle traversate più tecniche. Perché hai deciso di farlo da solo e al contrario? Sei il primo a farlo – era questa la motivazione?

L’ho fatta al contrario perché non era ancora stato fatta e quindi offriva quell’aspetto di avventura. La mia motivazione era vivere l’esperienza di essere lassù da solo. Non mi importava davvero se ci fossi riuscito o meno. Sarei stato felice di farlo senza dirlo a nessuno. Sono stata molto ispirato da Silvia Vidal che ha fatto più spedizioni in solitaria, a volte trascorrendo più di un mese da sola su una parete. Sono ispirato dalla sua filosofia e mentalità. Sfortunatamente, è difficile partire da soli quando sei stato benedetto con alcuni dei migliori compagni di arrampicata che qualcuno possa desiderare. Ma quest’anno l’occasione si è presentata!

L’ho fatta al contrario perché non era ancora stato fatta e quindi offriva quell’aspetto di avventura. La mia motivazione era vivere l’esperienza di essere lassù da solo. Non mi importava davvero se ci fossi riuscito o meno. Sarei stato felice di farlo senza dirlo a nessuno. Sono stata molto ispirato da Silvia Vidal che ha fatto più spedizioni in solitaria, a volte trascorrendo più di un mese da sola su una parete. Sono ispirato dalla sua filosofia e mentalità. Sfortunatamente, è difficile partire da soli quando sei stato benedetto con alcuni dei migliori compagni di arrampicata che qualcuno possa desiderare. Ma quest’anno l’occasione si è presentata!

Sean Villanueva - Fitz Traverse

Come l’hai documentato, l’avevi pianificato?

Non l’ho documentato molto. Avevo una fotocamera, ma la batteria era in cattive condizioni e sapevo che non sarebbe durata molto a lungo. Quindi ho scattato alcune foto e alcuni brevi video, ma documentarlo era una delle ultime cose che avevo in mente!

Hai avuto una rara finestra di bel tempo di sei giorni per il tuo compleanno. Puoi spiegarci quanto è stato importante?

Sembra proprio che tutto si sia unito, tutte le stelle allineate, quasi come fosse destino. Lo stavo sognando, preparando e visualizzando da quasi un anno. Sapevo che era altamente improbabile vare una finestra meteorologica positiva di sei giorni e che avrei mai avuto la possibilità di fare un tentativo adeguato. Ma non mi importava molto perché riguardava più il processo nel suo insieme.

Quindi quali erano le possibilità che quella finestra meteorologica di sei giorni apparisse proprio nel tuo 40esimo compleanno?

Avevo fatto un tentativo di ricognizione in inverno, quando non ero nemmeno arrivato alla base della prima vetta a causa della troppa neve. Mi sono avvicinato con gli sci, ma dopo due giorni e una lunga battaglia di sei ore in salita, (su un tratto di avvicinamento che in estate dura solo un’ora) ho notato che una delle mie piccozze era caduta dallo zaino, e così sono tornato indietro. Ho fatto un altro tentativo in primavera (fine novembre) salendo le due prime cime, de l’S e Saint Exupery, prima di mollare a causa del forte vento e del maltempo.

Com’è stato compiere 40 anni durante tutto questo? Hai fatto il punto dei tuoi oltre 20 anni di carriera?

Il giorno stesso avevo quasi dimenticato che era il mio compleanno. Ho incrociato alcuni amici che stavano scendendo dal Fitz Roy e ci siamo dati il cinque e festeggiato per il mio compleanno. C’era una grande energia. C’è qualcosa di speciale nel primo giorno di questo prossimo anno nella tua vita e 40 in qualche modo sembra una pietra miliare.

Puoi spiegare com’è la salita, tecnicamente? E logisticamente, facendola da soli, come cambiano le cose?

L’arrampicata in sé non è molto dura, ma la difficoltà di questa traversata è che è molto lunga. È difficile orientarsi. Inoltre, è altamente improbabile che tu riceva una finestra meteorologica abbastanza lunga, la roccia è molto spesso ghiacciata o bagnata e c’è anche il problema logistico di trasportare uno zaino pesante su quel tipo di terreno. Farlo da solo mentre ci si assicura da soli è molto più faticoso che farlo in cordata. Significa che devi percorrere lo stesso terreno tre volte. Si sale sistemando l’attrezzatura durante l’assicurazione, poi si scende in corda doppia per recuperare l’attrezzatura, quindi si risale fino al punto più alto per sollevare la sacca e iniziare il tiro successivo.

Sono stato estremamente fortunato, ho avuto una finestra di tempo molto buona. Le condizioni per l’arrampicata su roccia erano ottime, anche se per lo più arrampicavo sulle pareti sud, che sono le pareti in ombra qui nell’emisfero australe.

Ho preso alcune decisioni fortunate che si sono rivelate cruciali. Mi sembra che tutto sia andato a posto!

Sean Villanueva - Fitz Traverse

Quali sono state le parti più difficili?

Il primissimo giorno la mia corda si è danneggiata a causa della caduta di massi ed ero convinto che non sarei andato molto lontano, ma non mi importava molto, l’ho registrato e ho continuato: volevo solo vedere fino a che punto potevo arrivare. In qualche modo, la mia corda ha resistito fino all’ultima calata. Ho anche passato un momento un abbastanza brutto vicino alla vetta del Fitz Roy dove ho incontrato pendii ghiacciati per i quali non avevo l’attrezzatura adeguata. Indossavo scarpe da avvicinamento (al contrario degli scarponi da montagna), avevo ramponi in alluminio (per il viaggio orizzontale sul ghiacciaio non per l’arrampicata su ghiaccio) e solo una piccozza. Ma mi sono preso il mio tempo!

Puoi darci un po’ di dati sulla traversata che hai fatto? Hai fatto più di sette cime?

Ci sono più di cinque chilometri di linea di cresta, che coprono quasi 4.000 metri di dislivello, con vie fino a 6c / 5.11. Ho fatto 10 vette in totale: le sette principali della gamma Fitz Roy, più alcuni di quelli più piccoli. Le cime più piccole non complicano molto la traversata, potrebbero aver aggiunto un paio d’ore ma, visto che ero lì, ho pensato che avrei potuto anche godermi un po’ di arrampicata in più. Se non li avessi fatti durante questa traversata, quando avrei avuto l’opportunità di salirli? De l’S, Saint-Exupéry, Rafael Juarez, Poincenot, Kakito, Fitz Roy, Val Biois, Mermoz, Guilaumet South, Guilaumet main.

Qual è la cosa migliore di averlo fatto?

La cosa migliore di averlo fatto è l’incredibile esperienza che ho vissuto e le molte cose che ho imparato lungo la strada.

Puoi raccontarci il motivo per cui l’hai chiamato The Moonwalk Traverse?

Ho pensato che sarebbe stato divertente chiamarlo Moonwalk in riferimento al passo di danza in cui sembra che tu stia camminando in avanti ma in realtà ti stai muovendo all’indietro. Anche perché è nella direzione opposta a quello che hanno fatto Tommy e Alex. Inoltre, l’incredibile scenario e l’atmosfera speciale: sei così lontano da tutto che potresti anche essere sulla luna!

Con sempre meno obiettivi da raggiungere in posti come la Patagonia, pensi che le traversate diventeranno sempre più popolari nell’alpinismo?

Penso che offra solo un diverso tipo di avventura e personalmente ho ancora un sacco di cose che mi piacerebbe fare.

Ricordatevi, giovedì 10 giugno, tutti presenti per goderci il racconto e il film dell’impresa sul Fitz Traverse di Sean Villanueva.

https://pat.ag/TheMoonwalkTraverse